Shop
+
All
Prodotti benessere intimo
Benessere intimo
Vibratori

Il tuo carrello è vuoto.

Chiudi

Hai bisogno di aiuto?
Mandaci una mail a customercare@yspot.co
Pagamenti sicuri
Spedizioni veloci e sicure
Reso gratuito
Pacco anonimo

Account

loading...
Tutti
Autoerotismo e self-porn: il self-love 2.0

Riappropriarsi del proprio corpo e del proprio potenziale erotico attraverso il self-porn. Lo hai mai provato?

da Aurelie | 26 Luglio 2020
Illustrazione di Isabelle Feliu per autoerotismo e selfporn

Abbiamo voluto proclamare questa l’estate del self-love. Per celebrare un atteggiamento che dovremmo avere tutti i giorni. Il self-love significa accettare e apprezzare i nostri corpi, significa ascoltarli e mettere i nostri bisogni in primo piano, qualunque essi siano. La masturbazione è un atto di self-love che pratichiamo spesso, e insieme a quella, molte di noi sperimentano sempre di più con il self-porn. (Lo hai provato anche tu?)

Narcisismo o esplorazione? La psicologia dell’autoerotismo

L’autoerotismo, a volte chiamato autosessualità, si declina su un ampio spettro. Secondo l’esperto Leon Seltzer, dottore in psicologia, “viste letteralmente, le persone autoerotiche sono sopratutto attratte dal proprio corpo. Ma in senso più generale, l’autoerotismo si riferisce ad un’ampia gamma di comportamenti e atteggiamenti sessuali.”

Lontano dall’egocentrismo puro del narcisismo, l’autoerotismo non corrisponde ad un disturbo della personalità; quello che hanno in comune è un certo livello di attrazione verso se stessi. Molti di noi che si sono ritrovati a far sesso vicino ad uno specchio sono forse rimasti più colpiti dalla propria immagine che non da quella del.la partner.

Questa fascinazione può raggiungere forme più estreme. Mentre per molti il sesso con altri rimane una priorità e il pensiero che guida la propria routine di masturbazione, “per i classici autosessuali, l’unico stimolo sessuale requisito sarebbe un’autoscatto o la propria immagine allo specchio”.

Ci sono diversi motivi per cui siamo attratti dall’autoerotismo; il piacere è tra i principali. Quando il sesso con altri non ci soddisfa del tutto (ciao pleasure gap!), l’idea di affidarci a noi stessi per raggiungere l’orgasmo diventa molto seducente.

Hai mai provato a guardare foto o video di te stessa mentre lo fai?

Ma come si fa? I consigli per riuscire il suo self-porn 

Non ti serve molto; alla fine potrebbe bastare la camera frontale del telefono. Se sei una purista o aspirante videographer, puoi anche usare la tua macchina fotografica del cuore e un treppiede. Quello che più conta è che tu riesca a creare un’ambiente nel quale ti senti davvero a tuo agio; se strumenti da professionisti t’intimidiscono un po’ troppo, lasciali da parte per eventualmente tornarci più avanti. In quale modo ti senti più desiderabile? Dovresti prepararti con lo stesso livello di cura che se lo facessi per un.a partner. Forse a te basta spogliarti per sentirti nel mood giusto, senza troppi artefici; forse ti piace indossare una certa tipologia di lingerie, quella che ti fa sentire strafiga senza forzature. Se al reggicalze preferisci il latex rosa, ricordarti che la persona per cui lo stai facendo sei proprio tu. La luce ha la sua importanza, anche se non sei particolarmente fissata sul risultato estetico. Soffusa, morbida, o magari anche colorata, aiuterà a metterti nelle condizioni giuste.  Abbiamo tutte una playlist per i momenti intimi; alcune di noi hanno addirittura una playlist solo per il me-time. Mentre la colonna sonora conta, assicurati di non coprire i tuoi rumori. Respiro più veloce, gemiti o urla di piacere: ascoltarli in seguito sarà un potente afrodisiaco. Te lo diciamo da amanti dell’audio porn.  Ma il risultato lo dovresti condividere? Non necessariamente. Non tutti i capolavori hanno bisogno di un pubblico. Se lo farai, siamo sicuri che sarà in modo sicuro e consapevole; abbiamo praticamente trasformato il sexting in una nuova modalità di relazionamento. Che tu condivida o meno, ricordarti però del purpose iniziale: una cosa creata per te. L’idea di uno sguardo esterno sul nostro corpo può facilmente falsare il gioco, e risultare in un livello di self-consciousness che va contro il concetto di self-love. Non pensare troppo all’angolo più flattering o alle classiche riprese a cui i porno ci hanno abituate. Questo esercizio non è un provino per un amateur porn, ma proprio una dichiarazione d’amore a te stessa, al tuo corpo e alle molteplici espressioni del tuo piacere. 🏖 Festeggia la summer of self-love con noi! 🎁 Per un tempo limitato, riceverai una tote bag illustrata quando ordini uno dei nostri toy
Articoli Relativi