Shop
+
All
Prodotti benessere intimo
Benessere intimo
Vibratori

Il tuo carrello è vuoto.

Chiudi

Hai bisogno di aiuto?
Mandaci una mail a customercare@yspot.co
Pagamenti sicuri
Spedizioni veloci e sicure
Reso gratuito
Pacco anonimo

Account

loading...
Tutti
SOS Clitoride! Problemi comuni e soluzioni semplici

Interamente devoluto al piacere ma più complesso da quanto potrebbe sembrare. Alcuni suggerimenti per clitoridi felici.

da Aurelie | 23 Aprile 2020
Fiore che sboccia simile ad un clitoride

Il clitoride non è di certo l’unico organo del piacere femminile ma è senza dubbio il più complesso. Per alcune è piuttosto semplice sfruttarne il potenziale; per altre, lo è molto meno. Abbiamo elencato alcune delle difficoltà che rincontriamo spesso e alcuni suggerimenti per affrontarle.

Da quando è finalmente stato scoperto nella sua interezza, il clitoride viene spesso paragonato ad un iceberg. Per tanto tempo ne abbiamo considerato solo la punta; oggi sappiamo quanto il suo ruolo sia fondamentale anche nel piacere derivato della penetrazione vaginale. 

Senza ignorare quindi le sue infinite possibilità e i suoi poteri, ci concentriamo qui sulla parte emersa, il glande clitorideo, sormontato di pelle che lo protegge, il prepuzio clitorideo. 

Gli strumenti migliori per un orgasmo da glande clitorideo (spesso chiamato orgasmo clitorideo)? Quasi tutti i vibratori si prestano alla stimolazione esterna ma il nostro preferito è Yumi: oltre al formatto mini (noi ce lo portiamo sempre dietro ad ogni spostamento), è stato proprio pensato per essere appoggiato sulla vulva o preso in mano per un’azione mirata sui tuoi punti strategici. 

Se nonostante tutto non sei ancora pienamente soddisfatta della qualità degli orgasmi che raggiungi o non li raggiungi per nulla, potresti considerare alcune soluzioni prima di eventualmente consultare un(a) sessuologo/a.

Problema: Il mio clitoride sembra troppo sensibile, quasi doloroso.

Suggerimenti:

  • Cerca di estendere la stimolazione a tutta la vulva senza concentrare tutta l’attenzione sul
  • Stimola il tuo clitoride attraverso il prepuzio evitando il contatto diretto con il glande.
  • Concentrati sui lati del glande piuttosto che sulla sua testa.
  • Prova ad aggiungere una sana dose di lubrificante, ricordandoti di non usare formule con base silicone insieme ai sex toys in silicone come i nostri.
  • Cerca di esercitare una pressione minore.

Problema: Il mio clitoride sembra poco sensibile, non sento quasi nulla.

Suggerimenti: 

  • Prova il contatto diretto tra il tuo toy e la parte prominente del glande. 
  • Concentrati sul frenulo – la parte che sta direttamente sotto alla testa e risulta particolarmente sensibile per moltissime donne.
  • Sperimenta con un balsamo clitorideo a base di arginina pensato per incrementare la sensibilità grazie a un’azione scaldante e alla promozione del microcircolo sanguigno.

Problema: Sento una sensazione di prurito, come se il mio clitoride fosse irritato.

Suggerimenti: 

  • Usa lubrificante! 
  • Cerca di usare meno pressione; se usi un toy, scegli una modalità di vibrazione alternata .
  • Prenditi una pausa prima di ricominciare.

Problema: Dopo un po’ il mio clitoride si intorpidisce.

Suggerimenti: 

  • Dagli un attimo per riposare e riprendersi. 
  • Hai mai sperimentato con l’edging? Questa pratica si basa su una stimolazione a intervallo piuttosto che continua. Quando inizi a provare sensazioni troppo forti, fai delle micropause e ripeti.
  • Cambia strumento, alternando tra vibratore e ditta.
  • Cambia metodo, cercando di variare movimento (su e giù, in piccoli cerchi…) e velocità.

Problema: Sto per venire, sono vicinissima… ma poi niente. 

Suggerimenti:

  • Non cambiare nulla quando senti che l’orgasmo si sta avvicinando. Mantieni un ritmo e una pressione costanti senza cambiare tecnica.
  • Rimani focalizzata sul tuo piacere e ascolta la tue sensazioni. Chiudi gli occhi se ti aiuta e concentrati sul qui e ora, un po’ come lo faresti durante la meditazione.

Problema: Mi ci vuole davvero troppo tempo per venire.

Suggerimenti: 

  • Prenditi tutto il tempo che ti serve, che siano 20 minuti, 1 ora o tutto il pomeriggio (è fighissimo farlo di pomeriggio, no?). 
  • Non farti influenzare da quello che potresti leggere in giro su quanto ci mettono le altre o quanto ci vuole “in media”. Il concetto di normalità è spesso discutibile, e lo è ancora di più in fatti di sessualità e di piacere femminile.
  • Se non sei da sola, cerca di far capire al(la) tuo/a partner quanto sia importante prenderti tutto il tempo che ti serve e non sentirti in imbarazzo perché ci stai mettendo “troppo”.
  • Non ti lasciar prendere dalla dittatura dell’orgasmo: non lo raggiungerai sempre e va benissimo così. Impariamo ad apprezzare i momenti di self-love e il piacere che ci può dare il nostro corpo anche senza orgasmo.
Articoli Relativi